Martino, la mia guida

Inviata da Anna P.

“L’incontro con il mio Angelo è stato meraviglioso.

Ero in un momento molto particolare della mia vita, stavo divorziando, avevo tre figli a cui pensare, tra cui una piccola da dover crescere… gli altri due erano grandi ma avevano sempre bisogno di una madre sicura di sé ecc… e come se non bastasse un lavoro precario con tanti problemi.

Avevo tanta voglia di conoscere chi fosse il mio Angelo, la mia guida, qualcuno a cui appoggiarmi perché non trovavo vie d’uscite. Una sera mi addormentai angosciata e desiderosa come tutte le sere d’ incontrarlo. Non so cosa mi sia successo, a me non è sembrato ma bensì una realtà!

Ero sul letto e dormivo, all’improvviso mi sveglio e sento di alzarmi e andare nel corridoio di casa mia, dove si affacciano le porte della cucina e del bagno, vedo tutta la casa illuminata e tra me e me dico (come faccio di solito quando i miei figli lasciano le luci accese) ecco mi sembra la festa di San Martino! Vado a spegnere le luci delle varie stanze …all’improvviso sento dietro di me una presenza …la paura mi paralizza e non oso girarmi.

Il pensiero mi porta a scappare fuori casa (all’epoca abitavano i miei sul mio pianerottolo) penso di correre da loro per rifugiarmi. Vado in corridoio…apro la porta e vedo una luce immensa indescrivibile tutto bianco, anche le rampe delle scale non le vedovo ma vedevo solo questa luce bellissima, rimango quasi senza fiato mi giro verso la mia porta per rientrare e vedo un uomo vestito anni 50,  bellissimo splendente, immerso anche lui da questa luce…dietro di lui vedo il resto della casa al naturale. Lo guardo tra la paura e la meraviglia……..non mi dice nulla.

All’improvviso inizio a comunicare mentalmente dicendo “Mhà allora tu sei il mio angelo?”, lui mi sorrideva e aveva uno sguardo tenero, sempre con stati d’animo alternati ho richiesto “Mhà tu sei il mio angelo, allora aiutami aiutami!

Da lì mi sono svegliata nel mio letto stanca, stravolta (stanchezza che mi è durata per tanto tempo). Al mattino sono rimasta entusiasta di questo incontro e lo raccontai a mia cugina, la mia migliore amica e nel frattempo iniziai le ricerche di questo volto. Dopo qualche giorno trovai nelle foto di famiglia la foto di un mio zio morto in guerra o così era stato comunicato, che non ho mai conosciuto. Si chiamava Martino.

Da allora quando mi sta per succedere qualcosa di negativo vedo la sua presenza (come se volesse dirmi…….non avere paura se succede qualcosa stai serena io sono vicino a te). Questa è stata un esperienza molto positiva per me ed ora so che anche quando mi sento sola non sono mai sola.

Anna”

…per altre storie leggi qui.

Se volete potete distribuire liberamente questo testo, in maniera non commerciale e gratuitamente, conservandone l’integrità, comprese queste note, i nomi degli autori ed il link https://angeliradianti.com

Trovi gli articoli, le traduzioni e le recensioni di questo sito utili? Se vuoi puoi sostenermi in quello che faccio con una semplice donazione!


Angeli Radianti © 2017 All Rights Reserved

Built by RadiantFlow